Le 3 meditazioni della Pasqua: Meditazione 2 del sabato

Le 3 meditazioni della Pasqua

 

 

La Pasqua è il momento più importante dell’anno per la nostra rinascita.

Il momento dove tutto si risveglia, anche la natura esce dal lungo inverno per ricominciare a creare con i suoi profumi, forme e colori.

La Pasqua cambia data ogni anno perchè è determinata da quando cade la prima domenica dopo la prima luna piena dopo l’equinozio di primavera. Si vede dunque la correlazione diretta con le meccaniche celesti. E’ una settimana particolarmente intensa e caricha di energia.

Possiamo veramente cogliere questo regalo pieno di grande energia creatrice e di trasformazione. Possiamo veicolare consapevolmente questa energia nella nostra vita e avere i risultati che desideriamo.
Voglio condividere con tutto te quello che pratico ogni anno in questi giorni speciali e così potenti.

Ci sono 3 giorni con un’energia e un potere diversi l’uno dall’altro, da venerdì a domenica.

Ci saranno 3 meditazioni diverse per sintonizzarci con queste energie, e alcuni esercizi annessi.

Non è importante che tu sia credente in Gesù oppure no.

La descrizione degli ultimi giorni di vita di Gesù sono una potente ispirazione per la trasformazione per tutti noi.

Giorno 1: Venerdì
Purificazione (morte) e Intenzione

Giorno 2: Sabato
Incubazione

Giorno 3: Domenica
Manifestazione

Meditazione 2 del sabato

 

Giorno 2: Sabato – Incubazione

Preparazione:

Oggi è il giorno di transito tra la morte e la rinascita.
Il nostro compito è quello di mantenere pulito lo spazio che abbiamo liberato ieri, di lasciare che l’intenzione si radichi dentro di noi e che i semi possano cominciare a germogliare.
Il nostro alleato più importante, come del resto lo è sempre, è la nostra consapevolezza. Renderci conto, accorgerci dei nostri pensieri, delle nostre reazioni istintive, dei nostri automatismi nel pensiero e nei comportamenti.

 

Meditazione:

mp3

 

Usa i tasti freccia su/giù per aumentare o diminuire il volume.

Scarica o ascolta in formato MP3. Clicca col tasto destro per salvarlo sul tuo computer.

 

Porta l’attenzione al respiro.
Lascia che diventi più calmo e profondo. Allunga deliberatamente i tempi dell’inspiro e dell’espiro.
Ad ogni espiro rilassa maggiormente il corpo.
Lascia andare tutte le tensioni accumulate.
Mantieni il respiro lento e profondo.
Ora porta l’attenzione ai suoni che percepisci. Lascia andare il giudizio, se i suoi ti piacciono o no e senza riconoscerne la natura. Ascolta e basta, senza alcun commento della mente. Percepisci tutti i rumori dai più vicini ai più lontani, dai più forti ai più leggeri, dentro e fuori dalla stanza in cui ti trovi.
Ora porta l’attenzione sul silenzio che percepisci tra un rumore e l’altro. Allo spazio che accoglie tutti i suoni. Lo spazio che permette ai suoni di manifestarsi. Senza quel silenzio e quello spazio i suoni non potrebbero manifestarsi.
Quello spazio sacro infinito calmo è la nostra vera essenza.
Rimani connesso a quello spazio a quel silenzio per qualche respiro. È quello che abbiamo ripulito ieri e che è pronto ad accogliere la nuova manifestazione di noi stessi nel mondo della forma.
Forse puoi percepire le cellule del corpo vibrare in risposta.
Rimani tutto il tempo che puoi a contatto con questo spazio.
Riporta poi l’attenzione alle nuove caratteristiche di te che vuoi manifestare, a quello che hai scritto ieri che vuoi ottenere. Rinforza il seme dell’intenzione all’interno di questo spazio. Nuovi comportamenti atteggiamenti abitudini e ciò che vuoi manifestare nella tua vita.
Lascia che il respiro rimanga calmo e profondo e che un sorriso si formi sulle tue labbra.
Quando il tuo tempo si sarà concluso, alla fine di un inspiro riapri gli occhi.

 

Esercizi :
1. Prendi qualche momento per rivedere ciò che hai scritto ieri. Aggiungi correggi modifica fino a quando alla domanda “Da 1 a 10 quanto mi fa stare bene quello che ho scritto?” Risponderai 10.

2.Se ieri sei stato a digiuno e in silenzio, oggi riapriti al contatto con l’esterno ma osservando bene la vibrazione che emani.

3.Durante il giorno proteggi lo spazio che hai ripulito. Osserva i tuoi pensieri. Quando ti accorgi che ricadi in una delle abitudini che hai lasciato andare ieri, gentilmente, con pazienza, lasciale andare. È sufficiente che ne diventi consapevole, che tu ti accorga se i tuoi pensieri vanno nel giudizio, nel perfezionismo, nella ricerca dell’approvazione e dell’apprezzamento degli altri, nel confronto, nel complesso di inferiorità di superiorità o di uguaglianza.
Appena ti accorgi… non ti arrabbiare! Piuttosto sorridi! Sei riuscito ad accorgerti e a proteggere il tuo spazio! È la consapevolezza l’elisir magico per la trasformazione. La luce che fa scomparire il buio.

* Fai la meditazione del sabato possibilmente al mattino.

 

LOVE,

Miranda

Leave A Comment