fbpx

 

“Non abbiate paura”

E’ una celebre frase di Papa Giovanni Paolo II.

 

In questo momento più che mai.

NON ABBIATE PAURA.

Non entrate nel gioco di chi vuole decidere il futuro del pianeta e dell’umanità.

 

E’ la prima volta che decido di scrivere dopo un evento di questo tipo. Ho sempre preferito il silenzio e rimanere fuori dalle discussioni che servono solo a rendere la situazione ancora più intrisa di emozioni non salutari.

Questa volta ho sentito che è il momento di prendere una posizione e avere fiducia che sempre più persone sono pronte ad ascoltare e mettere in pratica questi concetti. Sempre più persone sono pronte ad uscire dal gioco creato da chi sa perfettamente quali saranno le reazioni delle masse e ne trae beneficio.

E anche perché nei prossimi giorni è in uscita il mio nuovo libro “Riprendi il Tuo Potere” che tratta proprio questi temi, come affrontare situazioni difficili e contribuire a creare una nuova realtà. Riprendo qui alcuni passaggi.

 

 

L’obiettivo finale di chiunque sta influenzando il generarsi di queste situazioni è proprio TENERE LA MASSA in una vibrazione di paura e di rabbia. In questa situazione il vero POTERE delle persone si disperde. E così si allontana il NUOVO MONDO basato sull’UNITA’ e l’amore.

 

Se dentro di noi vogliamo reagire con violenza per sconfiggere quello che riteniamo essere il male, quello che stiamo alimentando è altra violenza, rabbia, odio. Nel giardino del nostro pianeta stiamo mettendo ulteriori semi di questo tipo di energia. E i semi che piantiamo oggi diventano piante di domani. I semi sono i nostri pensieri e le emozioni che coltiviamo dentro di noi. Non importa sapere chi è il colpevole. Saranno gli estremisti musulmani? Sarà la CIA? Saranno le famiglie degli “Illuminati” (così si sono autodefiniti) che sono i veri governatori del mondo?

Scoprire chi è il colpevole a cosa serve? Solo a sapere dove dirigere la nostra energia piena di rabbia e odio. Sapere chi sconfiggere.

Questi pensieri inseriscono queste vibrazioni, questi semi nel sistema. Magari non saremo noi a manifestare la pianta, visibile, della violenza ma qualcun altro innaffierà i semi che noi stessi abbiamo sparso nella coscienza collettiva e manifesterà la pianta della violenza.

 

E anche se con la violenza venisse sconfitto l’autore di questi eventi che cosa nasce? Un nuovo sistema creato da questa vibrazione. Che porta con sé quella stessa vibrazione nel lungo periodo.

 

Se sei ancora influenzabile nelle tue emozioni interiori e ti fai manipolare allora sei ancora troppo debole. Lavora DENTRO di te per coltivare le TUE vibrazioni di pace e amore e per non annaffiare i semi di odio, rabbia e violenza. Se la tua reazione a cosa accade è di rabbia e voler combattere con la forza, o di voler distruggere il nemico hai i semi di rabbia e violenza troppo forti dentro di te. Chiediti che cosa va eliminato dentro di te che genera ancora vibrazioni di rabbia e violenza.

papa

“Non abbiate paura”. E allora che cosa dobbiamo avere?

Dobbiamo avere FEDE. Nel senso di certezza. Radicati in una vibrazione di PACE e AMORE che NIENTE e NESSUNO può cambiare.

Immaginati proprio visivamente che delle onde partono da dentro di noi e si espandono verso l’esterno. Dopo un evento di questo tipo ci sono onde di vibrazione di tristezza, sconforto, sgomento, impotenza, disperazione verso le vittime e le famiglie delle vittime e onde di rabbia, paura, odio verso i responsabili dell’evento.

Tutte emozioni non salutari che non aiutano a costruire il futuro che tutti vogliamo, anzi stiamo immettendo ulteriori semi, ulteriori vibrazioni che stanno mettendo le basi per costruire qualcosa di altrettando brutto.

Dopo un evento come questo dobbiamo centrarci e radicarci ancora di più in questa energia di pace e amore.

 

E non è sufficiente nemmeno pregare nel senso di chiedere a qualcuno di superiore, qualcun altro che non siamo noi, arrivi e ci salvi. Possiamo solo CREARE la salvezza.
Pregare chiedendo di ESSERE parte di quella vibrazione di pace e amore che è l’unica che può annullare quella di odio, rabbia, violenza.

 

Possiamo partire solo da DENTRO DI NOI per cambiare il fuori di noi.

INSIEME.

L’energia collettiva è molto più forte, si moltiplica e può annullare l’energia opposta.

 

Come dice San Francesco nella sua “Preghiera Semplice”:

Signore, fà di me uno strumento della tua pace.

Anche noi possiamo pregare e chiedere di essere, di diventare uno strumento della sua pace. Significa diventare pace. Non solo verso chi vediamo come vittima. E verso il persecutore diventare rabbia. Diventare pace sempre. E NON AVERE PAURA, ma AVERE FEDE, FIDUCIA che quello che cambia il mondo è generato da ciò che SIAMO, SENTIAMO, piuttosto che da quello che FACCIAMO.

Possiamo anche aiutare le vittime, i profughi o tutti quelli che consideriamo bisognosi ma se l’emozione predominante nostra è di rabbia e paura verso chi pensiamo abbia generato l’evento , rabbia e paura è ciò che realmente stiamo immettendo nella coscienza collettiva.

 

NON ABBIATE PAURA. ABBIATE FEDE.

SIAMO PRONTI ALL’EVOLUZIONE DEL SISTEMA.

SIAMO PRONTI PER TORNARE A CASA.

INSIEME.

 

PS: Nel libro spiego come praticare la Compassione Trasformante e come rendere concreta la Preghiera di San Francesco.

A brevissimo l’estratto che potrai scaricare gratuitamente perchè tutti in questo momento possano praticarla e contribuire al proprio benessere e al benessere di tutta la coscienza collettiva.

 

LOVE, sempre

 

Miranda

 

PS: se vuoi condividi questo articolo con chi pensi possa essere pronto a fare questo passaggio e sostenere il nuovo mondo …. e a dire il vero, anche con chi pensi non lo sia ancora. Lo sarà.